EMILIA MANENIZZA E FRANCESCO PENCO

 

 

alias F. Penco successore di E. Manenizza

Stabilimento di Fotografia e Cinematografia

 

Francesco Penco nasce a Trieste il 10 aprile 1871 e vi muore il 29 dicembre 1950.

Sposato con Emilia Manenizza fotografa (nata a Venezia il 3 gennaio 1853 e morta a Trieste il 27 novembre 1905) compie il proprio apprendistato nello studio della moglie in Piazza della Borsa 11, casa Ananian.

La donna è fotografa professionista come il fratello Marco e il padre Spiridione che era giunto da Venezia per rilevare lo studio di Johann Baptiste Rottmayer nel 1881  in una zona della città che era già il luogo privilegiato da molti studi, in via Ss. Martiri al n. 1 dal 1871 al 1881 e al n. 3/a dal 1881 al 1882 (1) come attesta  Giancarlo Brambilla.

Subentrare in un atelier legato al nome di un professionista famoso è una sfida che impegna la famiglia. Si ricorda che Rottmayer aveva aperto due filiali, una a Trieste, spostata poi a Gorizia e una a Graz, dopo esser diventato famoso a Vienna come fotografo di corte già negli anni Sessanta.

 

I due fratelli Emilia e Marco Manenizza che mantengono agli inizi il logo Atelier Rottmayer  trasferiscono lo studio in Piazza della Borsa 11 dal 1889 al 1902.

Allo stesso indirizzo troveremo negli anni più tardi lo studio Benque.

Marco continua a lavorare sino al 1895, poi Emilia da sola conduce lo studio, sottoponendosi a degli impegnativi traslochi, la ritroviamo nel 1902 in piazza della Borsa 7 e dal 1905, anno della sua morte, in Corso 9.

Solo nel 1907 il marito, Francesco Penco, ne cambia la ragione sociale.

 

Dal 1895 la fotografa, rimasta priva della collaborazione del fratello, si avvale di vari giovani apprendisti e il suo studio diventa una scuola di formazione professionale.

A cavallo del secolo vi lavora Giovanni Cividini (1879-1959), che acquisisce ed affina le proprie conoscenze di fotografia sino a diventarne il direttore. Cividini nel 1905 costituisce con l'aiuto dei due fratelli, Pietro e Carlo e di un parente, Ernesto Busetti, un proprio studio fotografico con annessa camera oscura, utilizzando a questo scopo la terrazza al primo piano di via S. Spiridione 7 ove risiede.

Altri fotografi quasi tutti coetanei imparano il mestiere presso lo studio Manenizza e a loro volta apriranno atelier di notevole prestigio: Ezio de Rota (1879-1952), Ugo Horn (1876-1944), un non identificato Snidarsich.

Ma ritorniamo a Penco il prescelto nella successione.

 

Inizia a lavorare con la moglie dopo un'esperienza negli Stati Uniti, poiché dai registri degli emigranti a New York si sa che il 25 maggio 1898 sbarca a Ellis Island.

Nel 1902 lo ritroviamo: è attivo a Trieste in quanto fotografa lo sciopero dei fuochisti del Lloyd e fotografa a Venezia le macerie del campanile di San Marco.

Nel 1904 sposa Emilia.

La differenza d'età è notevole tra i due, la donna forse anche per problemi di salute sceglie la strada del matrimonio per garantire un futuro allo studio e una continuità all'azienda di famiglia. La pubblicità del 1904 recita: “Servendosi della luce elettrica di due lampade da 1500 candele, i fotografi dello studio Penco riescono con successo a fotografare anche al buio”. Lo studio risulta tra i più innovativi della città: può produrre in un'ora fino a 250 fotografie.

 

Sul verso dei cartoncini si legge “Primo studio fotografico a luce elettrica assunzioni artistiche, si eseguisce lavori con qualsiasi tempo - Emilia Manenizza Trieste Piazza della Borsa 7”.
Nel 1906 Penco chiede il permesso al comune "di fotografare nelle scuole normali gruppi di allievi".
Nel 1909 il suo studio si trova in Corso n. 14 come appare nella Prima guida tascabile di Trieste. (Trieste : Luzzatto, 1911, p. 158) e nell'inserto pubblicitario in L'Indipendente, a. 33, n. 5 (6 gennaio 1909) che viene ristampato più volte per tutta l'annata 1910. Il testo recita “Il sottoscritto si prega raccomandare alla Spettabile Clientela e P.T. Pubblico la sezione speciale per ingrandimenti testè introdotta nel suo rinomato studio fotografico. A mezzo di macchinario di proprio sistema, coll'ausilio di valenti artisti, e nulla trascurando dei moderni portati dell'arte ha raggiunto tal grado di perfezione da soddisfare ogni esigenza. Ingrandimenti da corone 10 in poi, secondo le dimensioni richieste. Francesco Penco fotografo Corso 14”.

 

La sua fama è consolidata.

Il 14 novembre 1909 compare l'avviso su il Piccolo che gli è stata affidata “l'assunzione fotografica delle opere dei Civici musei alla condizione che ne fornisca gratuitamente copie ai musei e a un prezzo ridotto un certo numero di copie da distribuirsi nelle scuole comunali”. Il professionista ha colto un'ulteriore possibilità di farsi conoscere e di diffondere le proprie fotografie ad un livello popolare, d'altra parte i musei si avvalgono della possibilità di documentare scientifcamente e oggettivamente il proprio patrimonio culturale e di farlo conoscere a livello popolare grazie alla riproduzione fotografica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Note

 1. Giancarlo Brambilla, Censimento degli studi fotografici attivi dal 1860 a Gorizia in "Il territorio" n. 11-12 (1999), p. 28.


Finalità di questo sito

Attorno al tema "Grande Trieste" oggetto di una mostra realizzata dalle istituzioni culturali civiche nel 2015 si è creato un gruppo di studiosi di storia della fotografia che si propongono, senza alcuno scopo di lucro, di utilizzare correttamente la rete per la promozione e valorizzazione del patrimonio di immagini storiche della città di Trieste e della Venezia Giulia, e in particolare di divulgare le ricerche condotte in occasione della mostra 1891-1914 La Grande Trieste, ma anche prima e dopo. 

Uno spazio informativo  è dedicato all'attualità, a  eventi, scoperte, pubblicazioni, legati alla storia della fotografia in Friuli Venezia Giulia.

Le finalità di questo sito sono scientifiche, didattiche e divulgative. Non ha scopo commerciale e non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Le immagini  inserite sono in parte opera degli autori del sito  e in parte ricavate da archivi fotografici pubblici e privati. Vengono pubblicate a bassa risoluzione e, coerentemente con le finalità del sito, per scopi esclusivamente culturali ed educativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la relativa rimozione.

Chi riprende anche in modo parziale qualsiasi contenuto redazionale è tenuto a citare e linkare la fonte lagrandetrieste.it e a citare e linkare la pagina dalla quale i contenuti sono stati tratti.


contatti: compilate il modello presente in questo sito o scrivete a: museifriuliveneziagiulia@gmail.com