Gli anni cinquanta

Gli anni Cinquanta sono forieri di grossi cambiamenti che renderanno la professione più praticabile e meno invalidante, in quanto ben pochi dagherrotipisti sono consapevoli degli effetti velenosi e devastanti per l'organismo prodotti dalle esalazioni dei vapori di mercurio che doveva essere riscaldato a 60° per sviluppare le lastre di rame argentate.

 

La diffusione dei calotipi (detti anche talbotipi dal loro inventore l'ingleseWilliam Henry Fox Talbot brevetto del 1841, immagini riportate sulla carta per azione della luce) si deve alla possibilità di poter avere più copie da uno stesso negativo (anche se con dettagli sfocati dovuti alla rugosità della carta, rispetto ai nitidi e precisi unici dagherrotipi), ma dal 1852 il procedimento del collodio umido rende la fotografia una tecnica facile, il negativo su vetro da cui si possono trarre positivi su carta albuminata moltiplicabili a piacere permette un livello di dettagli notevoli e una migliore qualità tonale.

Dal 1850 gli avvisi pubblicitari fanno aumentare il numero delle pagine dei periodici.

Non c'è bisogno che il nome del fotografo compaia a grandi caratteri.

Sono sufficienti tutte le garanzie proposte dall'avviso. Già l'esordio "nuovo metodo americano" suona attraente ancora oggi. Inoltre la colorazione offre una personalizzazione da non perdere, di solito è affidata al pennello di una donna.

Anche le varie possibilità di riproduzione sono interessanti: immagini di quadri, incisioni, litografie. Infine l'esperto professionista è disposto a dare lezioni, ne bastano 8 per imparare l'arte.

Ferdinando Ramann troverà a Trieste un solida collocazione, ma non è ancora giunto il momento.

 

 

Su: Il diavoletto, n. 206 (27 luglio 1850) e ripetuto il 29 luglio e 2 agosto


Finalità di questo sito

Attorno al tema "Grande Trieste" oggetto di una mostra realizzata dalle istituzioni culturali civiche nel 2015 si è creato un gruppo di studiosi di storia della fotografia che si propongono, senza alcuno scopo di lucro, di utilizzare correttamente la rete per la promozione e valorizzazione del patrimonio di immagini storiche della città di Trieste e della Venezia Giulia, e in particolare di divulgare le ricerche condotte in occasione della mostra 1891-1914 La Grande Trieste, ma anche prima e dopo. 

Uno spazio informativo  è dedicato all'attualità, a  eventi, scoperte, pubblicazioni, legati alla storia della fotografia in Friuli Venezia Giulia.

Le finalità di questo sito sono scientifiche, didattiche e divulgative. Non ha scopo commerciale e non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Le immagini  inserite sono in parte opera degli autori del sito  e in parte ricavate da archivi fotografici pubblici e privati. Vengono pubblicate a bassa risoluzione e, coerentemente con le finalità del sito, per scopi esclusivamente culturali ed educativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la relativa rimozione.

Chi riprende anche in modo parziale qualsiasi contenuto redazionale è tenuto a citare e linkare la fonte lagrandetrieste.it e a citare e linkare la pagina dalla quale i contenuti sono stati tratti.


contatti: compilate il modello presente in questo sito o scrivete a: museifriuliveneziagiulia@gmail.com