LA TRIESTE SLOVENA

Nel 1901 nel cuore della città fu avviata la costruzione di un edificio polifunzionale destinato a ospitare le attività nazionali della comunità slovena di Trieste, ma anche di altre associazioni slave. La Cassa di Mutui e Prestiti di Trieste acquistò un terreno edificabile in Piazza della Caserma (oggi Piazza Oberdan) e indisse un bando per la realizzazione del progetto dell'edificio, la cui gestione era affidata all'associazione Narodni Dom di Trieste Il progetto, estremamente innovativo per l'epoca, fu realizzato dall'allora già affermato Max Fabiani, 'grande architetto della monarchia', che operava prevalentemente a Vienna. L'imponente immobile di stampo classicistico con cornicione in pietra era diviso orizzontalmente in due parti che ne delimitavano le funzioni: il pianterreno, il mezzanino e il primo piano, dove prevale la pietra bianca, erano destinate alle attività sociali, culturali e sportive, mentre la parte superiore in mattoni bicolori ospitava degli appartamenti e un albergo. A partire dall'agosto del 1904 numerose associazioni culturali, politiche e sportive si trasferirono nel Narodni Dom. L'edificio polifunzionale divenne un luogo d'incontro per i rappresentanti di tutti i ceti della comunità triestina slovena dell'epoca.   

CITAZIONE LETTERARIA

Com'è bella Trieste se la guardi con occhio calmo e sereno, se la guardi nel silenzio dell'anima non turbata, non ferita. Cos la vidi quando avevo dieci anni Solo per un giorno la guardai, percependo il suo mistero. Tra il profumo delle acacie passava il tram che va da Opicina a Trieste, dall'obelisco alla città, dalla cima al fondo. Che strano! Che abisso c'è tra Trieste e i dintorni! Eppure: com'è naturale questo abisso! Dall'obelisco si vede Trieste e il mare; un'immagine che sta di fronte agli occhi, solo un'immagine, avvolta in un velo di fumo delle ciminiere. Vedi il mare, ma non sai dove finisce, vedi le navi, ma non sai dove vanno; tutto è un'immagine che si vede dalla cima, immobile, silenziosa, velata.

Srecko Kosovel, Dall'album


Finalità di questo sito

Attorno al tema "Grande Trieste" oggetto di una mostra realizzata dalle istituzioni culturali civiche nel 2015 si è creato un gruppo di studiosi di storia della fotografia che si propongono, senza alcuno scopo di lucro, di utilizzare correttamente la rete per la promozione e valorizzazione del patrimonio di immagini storiche della città di Trieste e della Venezia Giulia, e in particolare di divulgare le ricerche condotte in occasione della mostra 1891-1914 La Grande Trieste, ma anche prima e dopo. 

Uno spazio informativo (News dal mondo della fotografia) è destinato a segnalare eventi, scoperte, pubblicazioni, legati alla storia della fotografia in Friuli Venezia Giulia.

Le finalità di questo sito sono scientifiche, didattiche e divulgative. Non ha scopo di lucro e non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Le immagini  inserite sono in parte opera degli autori del sito  e in parte ricavate da archivi fotografici pubblici e privati. Vengono pubblicate a bassa risoluzione e, coerentemente con le finalità del sito, per scopi esclusivamente scientifici, didattici e divulgativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la relativa rimozione.

Chi riprende anche in modo parziale qualsiasi contenuto redazionale è tenuto a citare e linkare la fonte lagrandetrieste.it e a citare e linkare la pagina dalla quale i contenuti sono stati tratti.


contatti: museifriuliveneziagiulia@gmail.com