PROIEZIONI MARITTIME DELLA "GRANDE TRIESTE"

Il Lloyd Austriaco era nato a Trieste per soddisfare, con strumenti all’ epoca tecnologicamente avanzati, le esigenze di trasporto dell’economia commerciale triestina, svolgendo la funzione di incubatrice per una miriade di attività commerciali ed industriali legate al mare. Nei decenni successivi, però, progressivamente trasformò la sua identità, e divenne sempre più nettamente uno strumento della politica asburgica. Alla fine dell’Ottocento, i Governi di Vienna investirono ingenti risorse nel tentativo di consolidare la posizione internazionale dell’Impero nell’ambito del sistema delle Grandi Potenze, che all’ epoca dominava le sorti di gran parte del mondo attraverso le colonie, e stava rimodellando i rapporti interni all’Europa con la diffusione di un marcato nazionalismo, che esercitava i suoi effetti anche in campo economico.

Accanto al Lloyd si svilupparono quindi numerose Compagnie di navigazione private, e dal centro viennese giunsero a Trieste non solo gli investimenti per l’ampliamento ed il completo rinnovo delle flotte, ma anche finanziamenti per l’allargamento del porto, il raddoppio dei collegamenti ferroviari e la costruzione di una completa dotazione di infrastrutture, modernamente proporzionate per un commercio a lunga distanza che si stava enormemente sviluppando in quantità ed in qualità.

L’economia triestina divenne sempre meno legata ad interessi ed attività locali, e sempre più dipendente da decisioni e dinamiche molto ampie, che abbracciavano l’intera Europa centrale e buona parte del Mediterraneo orientale, per prolungarsi in campo marittimo ben oltre Suez e Gibilterra. Furono anni estremamente prosperi, quando a Trieste furono sperimentate con successo importanti novità, dal più grande piroscafo costruito nel Mediterraneo alla prima nave da crociera. Ma in quegli anni si accumularono anche alcune pericolose contraddizioni del sistema marittimo triestino, come l’eccessiva dipendenza dai capitali provenienti dal centro dell’Impero e la latente conflittualità con l’economia marittima italiana. In seguito, la gestione di quelle contraddizioni divenne una eredità difficile da gestire, nel corso dell’intero periodo tra le due guerre mondiali.

CATALOGO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fotografo non identificato

Magazzini del Porto vecchio, 1910 circa

ARF CMM 1236

Giuseppe Wulz, (1843-1918)

Veduta della città, 1892 circa

In primo piano, la Stazione della ferrovia meridionale, il Silo e il Molo IV in costruzione

ARF CMM 99

 Fotografo non identificato

Viaggio inaugurale del piroscafo Oceania della Società di navigazione Austro-Americana, attraccato presso l'Hangar 71. Porto nuovo, 1910-1912

ARF CMM 201

 Giovanni Cividini (1879-1959)

 Imbarco di locomotiva tramite pontone-gru per New York. Porto nuovo, 1912

 ARF CMM 202

Giovanni Cividini (1879-1959)

Imbarco casse di Pelinkovac per Buenos Aires (Argentina) su piroscafo Sofia Hohenberg della Società di navigazione Austro-Americana. Porto vecchio, 1907 ca.

ARF CMM 203

Studio fotografico R. Capra

Bacino III, Porto vecchio,1912 circa

Sullo sfondo il piroscafo Kaiser Franz Joseph I della Società di navigazione Austro-Americana.

ARF CMM 284

Giovanni Cividini (1879-1959)

 Imbarco casse di Pelinkovac per Buenos Aires sul piroscafo Sofia Hohenberg della Società di navigazione Austro-Americana. Porto vecchio, 1907 ca.

 ARF CMM 7961

 Studio fotografico R. Capra

Officina meccanica. Porto vecchio, 1912 circa

ARF CMM 227

 Studio fotografico R. Capra

Magazzino n. 4, IV piano. Porto vecchio, 1910 circa

 ARF CMM 282

Fotografo non identificato

Gru martelliforme e piroscafo in riparazione ormeggiato alla banchina. Arsenale del Lloyd Austriaco, 1910 circa

 ARF CMM 499

Fotografo non identificato

Piroscafo San Severo sotto carico, ormeggiato alla banchina prospiciente il Magazzino n. 9. Porto vecchio, Riva III, 1900 circa

ARF CMM 509

 

Ernesto Mioni (1865-1935)

Gruppo di dirigenti, impiegati, tecnici e capi d'arte. Stabilimento Tecnico Triestino, 1899

ARF CMM 1096

 

Ruggero. Pozzar (1889-1955)

Serie di motori per torpediniere dell'I.R. Marina austriaca. Stabilimento Tecnico Triestino, 1906

ARF CMM 1112

 

Studio fotografico R. Capra

Consolidamento del muro di sponda del Molo VI, sullo sfondo piroscafo della Società di navigazione Gerolimich. Porto nuovo, 1912

ARF CMM 1242

Bruno Reiffenstein (1868-1951)

Consolidamento del muro di sponda del Molo VI con l'ausilio di pontone-gru. Porto nuovo, 1912 ca.

ARF CMM 4145

 Bruno Reiffenstein (1868-1951)

Consolidamento del muro di sponda del Molo VI con un palombaro in attività. Porto nuovo, 1912 circa

ARF CMM 4146

 Bruno Reiffenstein (1868-1951)

Riva VI con i nuovi Hangar e il piroscafo Izvor all'attracco. Porto nuovo, 1912 circa

ARF CMM 4149

Fotografo non identificato

Piroscafo greco Theodoros alla banchina. Porto vecchio, Bacino I, 1910 circa

ARF CMM 4186

 

Fotografo non identificato

Varo dell'I.R. corazzata Babenberg. Cantiere S. Marco, 4 ottobre 1902

ARF CMM 4407

 

Alla presenza della madrina contessa Goess, moglie del luogotenente e dello stesso, dell'ammiraglio barone Spaun, del podestà Sandrinelli, del corpo consolare, di alcuni deputati ungheresi e numerosi rappresentati delle autorità civili e militari si è svolto il varo della corazzata.

Il varo al cantiere san Marco in “Il Piccolo”, a. 21, n. 7571 (5 ottobre 1902) 

Fotografo non identificato

Piroscafo Helouan della Società di navigazione del Lloyd Austriaco in costruzione. Arsenale del Lloyd, 1912

Collezione M. Cicogna, Trieste mci_719

Fotografo non identificato

Carico di legname su un trabaccolo. Canale del Ponterosso, 1910 circa

Sullo sfondo il piroscafo Wien della Società di navigazione del Lloyd Austriaco

Collezione L. Pajola, Trieste, lpaj_160b

Fotografo non identificato

Il piroscafo Helouan della Società di navigazione del Lloyd Austriaco ormeggiato al Molo IV. Porto Vecchio,

Collezione L. Pajola, Trieste, lpaj_345b

Fotografo non identificato

Veduta del Porto vecchio dalle rive con il piroscafo Wien della Società di navigazione del Lloyd Austriaco sullo sfondo,

1910 circa

Collezione M. Cicogna, Trieste 673

 

Fotografo non identificato

Piroscafo Helouan della Società di navigazione del Lloyd Austriaco, sala da pranzo di prima classe, 1912

Collezione M. Eliseo, Trieste

Alois Beer (1849-1916)

Piroscafo Thalia della Società di navigazione del Lloyd Austriaco ormeggiato al Molo San Carlo di Trieste, 1910

Collezione M. Eliseo, Trieste

Fotografo non identificato

Piroscafo Wien della Società di navigazione del Lloyd Austriaco, orchestra di bordo, 1911

Collezione M. Eliseo, Trieste

Fotografo non identificato

Gruppo di crocieristi sul Piroscafo Thalia della Società di navigazione del Lloyd Austriaco, 1909

Collezione M. Eliseo, Trieste

Joseph Byron (1847-1923)

Piroscafo Kaiser Franz Joseph I della Società di navigazione Austro-Americana, sala da pranzo di prima classe, 1912

Collezione M. Eliseo, Trieste

CITAZIONE LETTERARIA

La baia è a sua volta divisa in due sezioni dai promontori rocciosi di Duino e Miramare. La baia nord-occidentale è la sacca di Duino (Sinus Diomedes), che riceve il fiume Timavo, e la sud-occidentale è il Sinus Tergestinus propriamente detto.. Trieste, perciò, ha un grande vantaoggio: è il più interno dei porti circumvicini, compresa Venezia, ed è lo scalo naturale per Vienna e per il cuore dell'Impero Austriaco.

Richard F. Burton, Il porto di Trieste antico e moderno


Finalità di questo sito

Attorno al tema "Grande Trieste" oggetto di una mostra realizzata dalle istituzioni culturali civiche nel 2015 si è creato un gruppo di studiosi di storia della fotografia che si propongono, senza alcuno scopo di lucro, di utilizzare correttamente la rete per la promozione e valorizzazione del patrimonio di immagini storiche della città di Trieste e della Venezia Giulia, e in particolare di divulgare le ricerche condotte in occasione della mostra 1891-1914 La Grande Trieste, ma anche prima e dopo. 

Uno spazio informativo (News dal mondo della fotografia) è destinato a segnalare eventi, scoperte, pubblicazioni, legati alla storia della fotografia in Friuli Venezia Giulia.

Le finalità di questo sito sono scientifiche, didattiche e divulgative. Non ha scopo di lucro e non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Le immagini  inserite sono in parte opera degli autori del sito  e in parte ricavate da archivi fotografici pubblici e privati. Vengono pubblicate a bassa risoluzione e, coerentemente con le finalità del sito, per scopi esclusivamente scientifici, didattici e divulgativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la relativa rimozione.

Chi riprende anche in modo parziale qualsiasi contenuto redazionale è tenuto a citare e linkare la fonte lagrandetrieste.it e a citare e linkare la pagina dalla quale i contenuti sono stati tratti.


contatti: museifriuliveneziagiulia@gmail.com