SOTTO IL SEGNO DEGLI ASBURGO

Nel 1382 il libero Comune di Trieste, per sfuggire all'ostilità dei suoi bellicosi vicini, delibera la dedizione della città al duca Leopoldo d'Austria, riconoscendone i successori come suoi signori naturali ed ereditari e segnando così il suo futuro: da questo momento e sino alla fine della Grande guerra la città avrebbe fatto parte degli Erbländer, i “paesi ereditari” asburgici.

 

Nel 1719 l'imperatore Carlo VI la proclama porto franco ed è l'inizio dell'ascesa, il piccolo borgo di pescatori si trasformerà in una capitale economica e finanziaria internazionale e nel principale porto dell'Impero con una popolazione salita da 7.000 fino a 230.000 abitanti.

 

Abolito nel 1891 l'istituto del porto franco, ormai superato in una nuova realtà costituita da una rete globale di scambi e comunicazioni, Trieste si trova al centro di un'ampia politica economica, intrapresa dal governo austriaco e dai grandi gruppi finanziari austro-tedeschi, per rilanciare il ruolo del porto come sbocco di tutto il nord-Europa nel Mediterraneo e guidare lo sviluppo industriale, rendendo la città sempre più vicina con il centro Europa.

 

Nasce qui la drammatica contraddizione di Trieste, tra la sua italianità di lingua e cultura e il carattere ormai tutto austriaco del suo sviluppo economico: quella che Scipio Slataper definì la lacerazione tra le sue due anime, la mercantile e l'italiana.

 

CATALOGO

1. Hermann Clemens Kosel (1867-1945)

Francesco Giuseppe I imperatore d'Austria con l'erede al trono arciduca Francesco Giuseppe Otto, 15 settembre 1914

Inv. CMSA F29013

 

Otto (1912-2011) era il figlio primogenito di Carlo e Zita d'Asburgo.

2. K.u.K. Militärgeographisches Institut Wien (1839-1918)

Monumento della dedizione all'Austria, 1914 circa

Inv. CMSA F8163

 

Opera dello scultore Ivan Rendić, fu inaugurata il 25 marzo 1889 nel giardino antistante la stazione, e demolita nel 1919.

SOTTOSEZIONI


CITAZIONE LETTERARIA

Le persone intelligenti capivano che il nuovo secolo voleva un ordine nuovo perché s'iniziava una nuova epoca. Non che gli eletti col suffragio così detto universale fossero della gente arrogante e cattiva. In buona fede credevano di rappresentare tutto l'impero Austro-Ungarico e invece rappresentavano si e no centomila persone. Non avevano capito i nobili i proprietari tarrieri i padroni degli immobili e il liberi professionisti come avvocati e medici. Chi aveva capito subito l'aria del nuovo secolo era stato l'Imperatore vecchio ma sempre sempre giovane di spirito come quando era il primo tenente dalle gambe rosse.

Carolus L. Cergoly, Il complesso dell'Imperatore


Finalità di questo sito

Attorno al tema "Grande Trieste" oggetto di una mostra realizzata dalle istituzioni culturali civiche nel 2015 si è creato un gruppo di studiosi di storia della fotografia che si propongono, senza alcuno scopo di lucro, di utilizzare correttamente la rete per la promozione e valorizzazione del patrimonio di immagini storiche della città di Trieste e della Venezia Giulia, e in particolare di divulgare le ricerche condotte in occasione della mostra 1891-1914 La Grande Trieste, ma anche prima e dopo. 

Uno spazio informativo (News dal mondo della fotografia) è destinato a segnalare eventi, scoperte, pubblicazioni, legati alla storia della fotografia in Friuli Venezia Giulia.

Le finalità di questo sito sono scientifiche, didattiche e divulgative. Non ha scopo di lucro e non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Le immagini  inserite sono in parte opera degli autori del sito  e in parte ricavate da archivi fotografici pubblici e privati. Vengono pubblicate a bassa risoluzione e, coerentemente con le finalità del sito, per scopi esclusivamente scientifici, didattici e divulgativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la relativa rimozione.

Chi riprende anche in modo parziale qualsiasi contenuto redazionale è tenuto a citare e linkare la fonte lagrandetrieste.it e a citare e linkare la pagina dalla quale i contenuti sono stati tratti.


contatti: museifriuliveneziagiulia@gmail.com