LA CITTA' IMMEDIATA DELL'IMPERO

L'ATTIVITA' CULTURALE

Nell'agosto del 1909 per la prima volta nella storia della città una donna veniva chiamata a ricoprire una carica pubblica: si trattava della baronessa Nina Morpurgo che entrava a far parte del Curatorio dei Musei cittadini di Storia ed Arte.

 

In questi anni sono molti gli atti di donazione al Comune da parte dei cittadini. Tra i più notevoli ci fu quello di Giuseppe Basevi, deputato triestino al Parlamento di Vienna, che nel 1909 dona la sua villa, posta al confine tra il colle di San Vito e il rione di San Giacomo. Già nel 1910 vi viene ospitato il Civico Museo di Storia Patria e del Risorgimento, che doveva raccogliere tutto ciò che riguardava la vita pubblica e privata di Trieste nei secoli; nel 1944 la villa fu bombardata in modo irreparabile.

È un acquisto invece, del gennaio 1911, quello della Villa Sartorio di Strada di Fiume: era stata la dimora estiva della famiglia, su un fondo di quasi 38.000 mq; verrà adibita a dispensario antitubercolare per bambini.

 

Nell'ottobre 1913 il Comune si occupò di predisporre, insieme al Comitato verdiano, le solenni onoranze per il centenario della nascita di Giuseppe Verdi: attorno al monumento di piazza S. Giovanni erano state schierate le guardie comunali in alta tenuta, mentre gli uscieri municipali prendevano in consegna le corone delle varie associazioni e le disponevano ai piedi e al fianco del monumento.

 

CATALOGO

13. Pietro Opiglia (1877-1948)

Il curatorio al Lapidario, dicembre 1909

CMSA F69030

 

 14. 15. 16 Pietro Opiglia

La gloriette di Villa Sartorio, 1911 circa

CMSA F19337 F19335-F35336 

 

17. Mario Circovich (1887-1931)

La gloriette di Villa Sartorio, 1911 circa

Archivio Sartorio F35435

 

18.19. Giuseppe Franceschinis

Villa Sartorio : parterre, gloriette, serra, post 1880

 Archivio Sartorio F49189, F35434

20. Pietro Opiglia (1877-1948)

Palazzo Biserini: sede della Biblioteca civica, dell'Accademia di Commercio e Nautica, del Museo civico di storia ed arte e del Museo di storia naturale, 1913 circa

CMSA F8950

21. Giuseppe Padovan (1883-1945)

Corteo dimostrativo per il centenario della nascita di Giuseppe Verdi, 12 ottobre 1913

CMSA F18236

 

 

 

22. Pietro Opiglia (1877-1948)

Museo di storia patria e del Risorgimento nell'ex Villa Basevi, 1914 circa

CMSA F5201

 

 


Finalità di questo sito

Attorno al tema "Grande Trieste" oggetto di una mostra realizzata dalle istituzioni culturali civiche nel 2015 si è creato un gruppo di studiosi di storia della fotografia che si propongono, senza alcuno scopo di lucro, di utilizzare correttamente la rete per la promozione e valorizzazione del patrimonio di immagini storiche della città di Trieste e della Venezia Giulia, e in particolare di divulgare le ricerche condotte in occasione della mostra 1891-1914 La Grande Trieste, ma anche prima e dopo. 

Uno spazio informativo (News dal mondo della fotografia) è destinato a segnalare eventi, scoperte, pubblicazioni, legati alla storia della fotografia in Friuli Venezia Giulia.

Le finalità di questo sito sono scientifiche, didattiche e divulgative. Non ha scopo di lucro e non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Le immagini  inserite sono in parte opera degli autori del sito  e in parte ricavate da archivi fotografici pubblici e privati. Vengono pubblicate a bassa risoluzione e, coerentemente con le finalità del sito, per scopi esclusivamente scientifici, didattici e divulgativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la relativa rimozione.

Chi riprende anche in modo parziale qualsiasi contenuto redazionale è tenuto a citare e linkare la fonte lagrandetrieste.it e a citare e linkare la pagina dalla quale i contenuti sono stati tratti.


contatti: museifriuliveneziagiulia@gmail.com