LA CITTA' IMMEDIATA DELL'IMPERO

All'interno della variegata e composita struttura dello Stato asburgico, Trieste occupava una posizione del tutto eccezionale. Già nell'atto di dedizione che la città aveva sottoscritto con la Casa d'Austria nel 1382, le venivano riconosciuti tutti privilegi dell'autonomia.

 

La risoluzione imperiale del 1° ottobre 1849, riconoscendo questo diritto, conferiva alla città e al suo territorio la dignità di Reichsunmittelbare Stadt, “città immediata dell'impero”: si trattava di uno speciale status di origine carolingia che privilegiava solo poche città di un rapporto diretto con l'imperatore. Il Comune assumeva così diritti di rappresentanza politica pari a quelli che altrove erano propri delle province.

 

Inoltre molte competenze dello stato - dai pubblici servizi al commercio, dalle scuole alla sanità, dalla salvaguardia del patrimonio artistico alla cultura - venivano delegate in via fiduciaria al Consiglio comunale della città, retto dal Podestà.

 

Il 31 gennaio 1906, per punire il Comune per il suo atteggiamento apertamente irredentista, un provvedimento del Governo revocò numerose di queste attribuzioni che vennero affidate ad un ufficio statale appositamente creato, il Consiglierato di Luogotenenza.

 

La sera del 23 maggio 1915, giorno della dichiarazione di guerra dell'Italia, il luogotenente annuncia la revoca del Consiglio comunale e del Podestà in carica, Alfonso Valerio, e l'affidamento dell'amministrazione a un commissario imperiale.

 

SOTTOSEZIONI


CITAZIONE LETTERARIA

Comun, sm. comune, comunità, comunitade, comunitate; meter in comun, m. avv. mettere in combutta, o in comunanza; el popolo comun. met. il popolo, il comune e il contado: — „ Lo sa el popolo comun. = Lo sa il popolo, il comune e il contado;“ roba del comun roba de nessun, m. prov. asino di molti i lupi se lo mangiano.

Ernesto Kosovitz - Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino, e della lingua italiana, Tipografia Figli di C. Amati, Trieste, 1890 


Finalità di questo sito

Attorno al tema "Grande Trieste" oggetto di una mostra realizzata dalle istituzioni culturali civiche nel 2015 si è creato un gruppo di studiosi di storia della fotografia che si propongono, senza alcuno scopo di lucro, di utilizzare correttamente la rete per la promozione e valorizzazione del patrimonio di immagini storiche della città di Trieste e della Venezia Giulia, e in particolare di divulgare le ricerche condotte in occasione della mostra 1891-1914 La Grande Trieste, ma anche prima e dopo. 

Uno spazio informativo (News dal mondo della fotografia) è destinato a segnalare eventi, scoperte, pubblicazioni, legati alla storia della fotografia in Friuli Venezia Giulia.

Le finalità di questo sito sono scientifiche, didattiche e divulgative. Non ha scopo di lucro e non presenta banner pubblicitari di alcun genere. Le immagini  inserite sono in parte opera degli autori del sito  e in parte ricavate da archivi fotografici pubblici e privati. Vengono pubblicate a bassa risoluzione e, coerentemente con le finalità del sito, per scopi esclusivamente scientifici, didattici e divulgativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”. Tuttavia, qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la relativa rimozione.

Chi riprende anche in modo parziale qualsiasi contenuto redazionale è tenuto a citare e linkare la fonte lagrandetrieste.it e a citare e linkare la pagina dalla quale i contenuti sono stati tratti.


contatti: museifriuliveneziagiulia@gmail.com